Messaggio

x

Un centinaio di studenti dell'Università Statale di Milano a lezione nel Centro Bortolotti

12 apr 2017
Un centinaio di studenti dell'Università Statale di Milano a lezione nel Centro Bortolotti

Lezione pratica sul campo con il preparatore atletico dell'U17 Boccolini

Un centinaio di studenti di Scienze Motorie dell'Università Statale di Milano sono stati ospiti ieri al Centro Bortolotti di Zingonia per una lezione pratica tenuta dal professor Gabriele Boccolini, preparatore atletico dell'U17 nerazzurra. Gli studenti, al primo anno di specialistica, hanno avuto l'opportunità non solo di partecipare a una lezione nelle strutture del Centro Bortolotti (in palestra e sul campo in erba artificiale), ma anche di assistere agli allenamenti delle formazioni giovanili. Il professor Boccolini è anche loro docente e insegna all'Università di Milano "Teoria e metodologia dell'allenamento per gli sport di squadra in età giovanile".

"L'Atalanta - spiega Boccolini - ha da otto anni una convenzione con l'Università di Milano per avere tirocinanti grazie a Stefano Bonaccorso e al Preside dell'Università, il professor Alberti. C'è stata così la possibilità di tenere questa lezione nel Centro Bortolotti".
Una prima parte in palestra in cui sono state illustrate le metodologie di lavoro in particolare sulla forza nell'ambito del settore giovanile e una seconda sul campo in cui sono state sviluppate una serie di proposte di lavoro sia sulla forza che sulla resistenza, con alcune varianti per comprendere meglio i carichi di lavoro.

"Grazie poi alla disponibilità dello staff della prima squadra - continua Boccolini - gli studenti hanno potuto incontrare e rivolgere delle domande ai preparatori atletici che lavorano con Gasperini: Domenico Borelli, Luca Trucchi, Francesco Vaccariello e Andrea Riboli. E nel pomeriggio hanno parlato con gli allenatori del Settore Giovanile e assistito agli allenamenti delle squadre giovanili. E' stata una bella esperienza formativa per i corsisti, utile anche per far capire tutto il lavoro che c'è dietro".