Messaggio

x

Atalanta in Congo per sostenere il progetto di sviluppo del calcio giovanile nel paese africano

13 apr 2017
Atalanta in Congo per sostenere il progetto di sviluppo del calcio giovanile nel paese africano

Bonaccorso e Silvani sono stati tre giorni in Congo

Atalanta al fianco della Repubblica del Congo per sostenere e incentivare lo sviluppo del calcio giovanile attraverso il potenziamento dei centri di formazione presenti nel paese africano.
La collaborazione è nata lo scorso febbraio e sancita ufficialmente nella sede nerazzurra quando l'Amministratore Delegato di Atalanta Luca Percassi e il Ministro dello Sport della Repubblica del Congo Leon Alfred Opimbat hanno sottoscritto un protocollo d'intesa, e nei giorni scorsi ha vissuto un altro passo importante.

Il Coordinatore dell'Attività di Base Stefano Bonaccorso e Il Responsabile Scouting dell'Attività di Base Luca Silvani sono stati tre giorni nella Repubblica del Congo per relazionarsi con le autorità locali e conoscere territorio e strutture. "E' stato un viaggio molto interessante - ha commentato Bonaccorso - durante il quale abbiamo portato anche i saluti della famiglia Percassi che ha voluto fortemente questa collaborazione, abbiamo incontrato un gruppo di allenatori che stanno partecipando a un corso di formazione e assistito al primo torneo organizzato dal Ministero dello Sport per ragazzi dal 2000 al 2002. Le finali si sono svolte nello Stadio Massamba-Debat di Brazzaville dove spesso si allena la nazionale congolese".

Il Ministero dello Sport della Repubblica del Congo ha infatti avviato un progetto importante per lanciare centri di preformazione per ragazzi dagli 8 ai 17 anni. L'obiettivo è quello di sviluppare e promuovere il calcio giovanile congolese e dare l'opportunità ai giovani del posto di crescere, allenarsi, giocare a calcio e così affinare il proprio talento e coltivare le proprie passioni.

"L'Atalanta - continua Bonaccorso - si preoccuperà delle fasce dagli 8 ai 12 anni e dai 13 ai 15 anni supportando i centri di formazione e mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per favorire questo sviluppo. Andremo in Congo 2-3 volte all'anno per seguire più da vicino questo progetto, ma resteremo sempre in contatto relazionandoci con le persone di riferimento che lavoreranno sul posto".

Bonaccorso e Silvani hanno potuto visitare il complesso sportivo di Kintele che ospiterà il centro di preformazione, scambiare e condividere i programmi. Il viaggio in Congo è stata anche l'occasione per incontrare le autorità e le figure di riferimento con cui sviluppare questo progetto, a cominciare dal Ministro dello Sport e dell'Educazione Fisica dr. Leon Alfred Opimbat e dal Direttore del Gabinetto del Ministero dello Sport Urbain Akambo, fino al Consigliere Tecnico incaricato dei parteners e marketing Armand Brice Opimba e al Direttore dei Centri di Formazione sportivi Leon Jean Mabiala, passando per il Coordinatore Tecnico Nazionale dei Centri di Formazione calcistici Fabrizio Cesana e l'Ambasciatore d'Italia nella Repubblica del Congo dottor Andrea Mazzella.