Messaggio

x

Lo sport contro le discriminazioni di genere: anche l'Atalanta in campo

07 ott 2017
Lo sport contro le discriminazioni di genere: anche l'Atalanta in campo

Partite di calcio e un convegno per approfondire temi importanti

Una bella giornata di sport per riflettere su temi importanti come le discriminazioni di genere. Un argomento delicato per un problema che nonostante i grandi passi avanti della società moderna, è purtroppo ancora di attualità e per questo non va assolutamente dimenticato. E il convegno che si è tenuto settimana scorsa al Centro Sportivo Brembare Sopra, dal titolo "Lo sport contro occasione di parità contro la discriminazioni di genere " è stata l'occasione per discuterne, parlarne, riflettere. Un'iniziativa promossa dalla Società Atalanta, in collaborazione con il Consiglio delle Donne del Comune di Bergamo, la Provincia di Bergamo, il Panathlon International Club di Bergamo, l'UISP, l'LND FIGC Lombardia Sviluppo Calcio femminile, la Polisportiva Brembate Sopra, l'Aerobica Evolution , la Commissione Pari Opportunità e la Consigliera di Parità, all'interno delle quattro giornate di sport in memoria di Yara Gambirasio. 

Il convegno è stato preceduto delle partite di calcio femminile che hanno visto protagoniste le Esordienti 2005 nerazzurre (nella foto in apertura di news insieme alle altre squadre), l'A.S.D. Mozzanica e l'Hellas Verona. Le ragazze si sono affrontarte con grande sportività all'insegna dello slogan, pronunciato al termine di ogni partita, "Vinciamo insieme la partita più importante: quella contro la violenza sulle donne e le discrimianzioni di genere"

Al convegno, a cui ha partecipato la psicopedagogista di Atalanta, Lucia Castelli, sono intervenuti ospiti qualificati come la dottoressa Marinella Valoti (psicologa ATS), e la dottoressa Isabel Perletti, Consigliera di Parità, e si sono ascoltate le testimonianze di Lara Magoni (referente CONI Bergamo) e di atlete e atleti di alto livello. È stata l'occasione per riflettere, davanti a un folto pubblico, sullo sport come ottima occasione per incrementare il benessere psicofisico, la fiducia in sé stesse/i e l’autostima. Tra le varie riflessioni proposte, è stato rimarcato come la violenza possa essere combattuta anche praticando liberamente, al di là del genere, del ruolo, della condizione fisica, qualsiasi disciplina sportiva.

convegno sport contro discriminazione di genere

SOPRA UN MOMENTO DEL CONVEGNO, SOTTO UNA BELLA FOTO DELLE NOSTRE RAGAZZE DURANTE IL TORNEO 

esordienti atalanta