Messaggio

x

Atalanta-Chiasso 6-1

15 lug 2018
Atalanta-Chiasso 6-1

A segno Gomez (doppietta), Mancini, Hateboer, Zapata e de Roon

Nella terza uscita amichevole della stagione 2018-2019 a Clusone l'Atalanta supera 6-1 gli svizzeri del Chiasso.

Partono forte gli ospiti che trovano il gol alla prima azione dopo pochi secondi dal fischio di inizio con Malinowski. Pronta però la reazione nerazzurra che arriva più volte vicina al pareggio con il tridente (da segnalare una traversa di Iličić al 18'), ma anche con gli inserimenti dei due esterni, Castagne e Gosens. L'1-1 arriva comunque al 21' con una conclusione precisa del Papu Gomez. E sempre il capitano completa rimonta e sorpasso al 35' con un'altra conclusione nell'angolino. Al 39' arriva anche il 3-1 con un colpo di testa di Mancini, ben servito direttamente da calcio d'angolo dal Papu. 

Nella ripresa esordio in nerazzurro di Zapata che gioca gli ultimi 25 minuti. Al 27' arriva anche il quarto gol con Hateboer. Quindi al 35' il primo gol nerazzurro di Zapata, ben servito da Hateboer. Nel finale de Roon, deviando una punizione di Iličić, chiude i conti sul 6-1.

La squadra tornerà al lavoro domani con una doppia seduta al Marinoni di Rovetta: mattina a porte chiuse, al pomeriggio alle 17 a porte aperte.

Atalanta-Chiasso 6-1

Reti: 1' p.t. Malinowski (C), 21' e 35' p.t. Gomez (A), 39' p.t. Mancini (A), 27' s.t. Hateboer (A), 35' s.t. Zapata (A), 44' s.t. de Roon (A)

ATALANTA: Berisha (1' s.t. Gollini); Toloi, Mancini (32' s.t. Djimsiti), Masiello; Castagne (32' s.t. Reca), de Roon, Valzania (32' s.t. Pessina), Gosens (1' s.t. Hateboer); Iličić, Barrow (20' s.t. Zapata), Gomez. Allenatore: Gian Piero Gasperini.

CHIASSO: Mossi (30' s.t. Bellante), Monighetti (30' s.t. Cvetkovic), Lurati, Kabacalman (30' s.t. Oberlin), Josipovic (23' s.t. Bahloul) , Martignoni, Malinowski (23' s.t. Sturm), Rey (18' s.t. Iberdemaj), Milinceanu, Alessandrini (8' s.t. Gennari; 18' s.t. Charlier), Padula. Allenatore Alessandro Mangiarratti.

ARBITRO: Daniele Chiffi (assistenti Giacomo Paganessi e Sergio Ranghetti).