Messaggio

x

Primavera, Brambilla: "Buon inizio, ma l'obiettivo principale è crescere"

14 ott 2018
Primavera, Brambilla: "Buon inizio, ma l'obiettivo principale è crescere"

Il tecnico nerazzurro: "Approccio sempre positivo"

Quattro vittorie in altrettante partite e primo posto solitario in vetta al campionato. Miglior inizio non poteva sperare la Primavera nerazzurra che dopo la sosta riprenderà il suo cammino il 20 ottobre sul campo del Cagliari. Mister Massimo Brambilla è logicamente soddisfatto per il comportamento dei suoi ragazzi, ma sa che la strada è ancora lunga.

Mister, come inizio non c'è male...

"Il campionato è partito tardi per varie vicissitudini, però ci siamo fatti trovare pronti e sicuramente siamo soddisfatti, sia per i risultati che per il modo con cui li abbiamo ottenuti. Credo che abbiamo meritato quanto raccolto".

I risultati che stanno arrivando non sono casuali: alle spalle c'è un lavoro quotidiano meticoloso che si avvicina molto ormai a quello di una prima squadra.

"La Primavera è la categoria che si avvicina di più alla prima squadra, quindi anche gli allenamenti e il modo di lavorare si avvicinano, con tanto di uso del GPS, della Match Analysis, non tanto per sapere cosa fanno gli avversari, ma più che altro per cercare di migliorare i nostri ragazzi. È un lavoro bello, stimolante, che serve a noi come staff per aiutare i ragazzi a crescere, mostrandogli per esempio a video gli errori perché non li ripetano o altre situazioni utili da apprendere".

L'aspetto che l'ha soddisfatta di più e quello invece su cui lavorare?

"La cosa positiva è che abbiamo approcciato tutte le partite con la nostra mentalità, con la voglia di giocare, di far gol e di andare a far sempre la partita. Per il resto c'è da migliorare sotto tanti aspetti. Abbiamo fatto bene, ma c'è solamente da crescere".

Si è già capito quali saranno gli avversari da tenere in considerazione per le prime posizioni?

"È presto per dire quali sono le squadre che arriveranno fino alla fine, anche se ogni anno più o meno sono sempre quelle. È un campionato equilibrato, ma a differenza dell'anno scorso probabilmente ci sono più gol in tutte le partite e questo secondo me è un aspetto positivo perché vuol dire che magari le altre squadre giocano un po' più aperte. Però sicuramente è un campionato difficile, equilibrato e complicato".

L'obiettivo dell'Atalanta?

"Siamo a ottobre e l'obiettivo adesso è quello di migliorare. Da marzo in avanti sicuramente si darà anche un occhio alla classifica e vedremo dove saremo, però sicuramente l'obiettivo primario da qua a marzo-aprile è quello di migliorare sotto tutti gli aspetti".

© riproduzione riservata di testo e foto solo su autorizzazione di Atalanta B.C.