Messaggio

x

Iličić e Zapata firmano la rimonta sulla Spal

10 feb 2019
Iličić e Zapata firmano la rimonta sulla Spal

Nella ripresa si concretizza la rimonta nerazzurra

Nella 23ª giornata della Serie A TIM 2018-2019 l'Atalanta supera in rimonta la Spal al termine di una partita combattuta fin dai primi minuti.

Ospiti avanti dopo 8' con una combinazione di ex nerazzurri: Kurtić crossa per Petagna che di testa batte Berisha. Gara subito in salita, la reazione dei nerazzurri si concretizza soprattutto nei tentativi del capitano: Papu Gomez prima trova solo l'esterno della rete, poi al 23' si vede negare per ben due volte la gioia del gol da Viviano, bravissimo soprattutto sulla prima conclusione respinta col piede. Nel finale del primo tempo anche la Spal però si rende pericolosa (Castagne salva sulla linea il colpo di testa di Bonifazi) e Cionek non trova poco dopo la deviazione sotto misura.

Nella ripresa aumenta la pressione nerazzurra e al 12' arriva il pareggio di Iličić che corregge in rete un perfetto cross dalla sinistra di Zapata. Al 34' arriva anche il raddoppio e il sorpasso nerazzurro che completa la rimonta: Hateboer sfonda sulla destra e serve Zapata che non sbaglia. Finisce 2-1, un risultato che permette di raggiungere a quota 38 punti Lazio e Roma. 

Atalanta-Spal 2-1

RETI: 8' p.t. Petagna (S), 12' s.t. Iličić (A), 34' s.t. Zapata (A) 

ATALANTA: Berisha; Toloi, Palomino, Mancini; Hateboer, de Roon, Freuler (33' s.t. Pašalić), Castagne (25' s.t. Gosens); Gomez (45' s.t. Pessina); Iličić, Zapata. A disposizione: Gollini, Rossi, Masiello, Reca, Djimsiti, Ibañez, Kulusevski, Barrow. Allenatore: Gian Piero Gasperini.

SPAL: Viviano; Cionek, Vicari, Bonifazi (39' s.t. Floccari); Lazzari, Valoti (27' s.t. Murgia), Missiroli, Kurtic, Costa; Paloschi, Petagna (34' s.t. Antenucci). A disposizione: Gomis, Poluzzi, Simic, Regini, Valdifiori, Dickmann, Spina, Uzela. Allenatore: Leonardo Semplici.

ARBITRO: Davide Massa di Imperia; assistenti Filippo Meli di Parma e Davide Imperiale di Genova, IV ufficiale Antonio Di Martino di Teramo, V.A.R. Michael Fabbri di Ravenna, A.V.A.R. Luca Mondin di Treviso.

NOTE: 18.342 spettatori. Ammoniti Hateboer (A), Missiroli (S), Valoti (S), Paloschi (S)