2020-2021 review: Cristian Romero

La stagione del numero 17 nerazzurrro

Miglior difensore secondo la Lega Serie A, basterebbe questo per fotografare la stagione 2020-2021 di Cristian Romero, che si è meritato anche la convocazione in Nazionale. Nessun atalantino ha recuperato più palloni di lui in campionato. Il difensore argentino ha avuto un impatto devastante nel suo primo anno in maglia nerazzurra: 42 partite giocate in tutte le competizioni (31 nella Serie A TIM, 7 nella UEFA Champions League, 4 in Coppa Italia), 3 gol fatti e 5 assist forniti. In campionato ha firmato i successi sul Milan al Meazza e sul Napoli al Gewiss Stadium, mentre in Champions ha segnato il fondamentale gol dell’1-1 con il Midtjylland nella penultima giornata del girone. Due curiosità: tutti i suoi tre gol li ha fatti di testa ed è uno dei tre nerazzurri capaci di fare almeno un assist in tutte e tre le competizioni in cui ha giocato.

Quindi le statistiche ufficiali della Lega Serie A sul campionato: 2.682 minuti giocati, 9,109 km percorsi di media a partita, 13 tiri fatti, 8 occasioni da gol create, 321 recuperi effettuati (primo nel ranking di squadra, terzo assoluto in Serie A), 33 falli subiti.

Infine gli importanti traguardi personali raggiunti dal Cuti  e non si può che partire dal fondo col premio di MVP come miglior difensore della stagione assegnato dalla Lega Serie A che ha evidenziato altri numeri significativi (record stagionale di Aggressività Difensiva col 95,1% e  di due aerei vinti toccando quota 122, 92% di Efficienza negli uno contro uno). Quindi la sua prima convocazione nell’Argentina con l’esordio in Nazionale contro il Cile e anche il suo primo gol con la maglia Albiceleste, ovviamente di testa, contro la Colombia, e poi la fresca chiamata per partecipare alla Copa America. Inoltre quest’anno ha fatto il suo esordio anche in Champions League, debutto per altro bagnato da un assist nel 4-0 sul campo del Midtjylland.

Ⓒ RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 14/06/2021
  • Cristian Romero
atalanta