Robin Gosens, un esterno col vizio del gol

21 reti e 18 assist in nerazzurro

Esterno di ruolo, ma numeri da attaccante. Robin Gosens da quando è arrivato a Bergamo nell’estate del 2017 dall’Heracles Almelo, non ha smesso di crescere, stagione dopo stagione, partita dopo partita, giorno dopo giorno. Ventun gol e diciotto assist nelle 128 partite giocate con la maglia nerazzurra: in pratica una partita su tre ha visto lo zampino del tedesco in una segnatura atalantina, fatta o propiziata da lui.

Una storia cominciata in una cornice storica e prestigiosa come Goodison Park con una conclusione mancina dalla distanza tanto particolare quanto bella contro l’Everton in Europa League. A Liverpool ci è poi ritornato, lo scorso novembre, e ha ancora segnato, stavolta però ad Anfield e contro il Liverpool, in una vittoria in Champions League destinata ad avere per sempre un posto di primo piano nella storia del club. Sono solo due delle perle di un bottino che anno dopo anno si è fatto sempre più ricco. La doppia cifra raggiunta coi dieci gol complessivi della passata stagione (più otto assist) pareva il top che facevano del numero 8 nerazzurro uno degli esterni più decisivi e incisivi del panorama europeo, ma le statistiche non tenevano conto della voglia di migliorarsi di Robin che sta viaggiando a ritmi di crociera tali da poter puntare ancora più in alto e sognare di battere il proprio primato: sono già sei i gol realizzati (e altrettanti gli assist) quando la stagione calcistica è arrivata adesso al giro di boa.

  • 29/01/2021
  • Robin Gosens
atalanta