Storia società

1907

È una sera d'autunno del 1907 quando cinque ragazzi, tutti intorno ai vent'anni, si ritrovano seduti al tavolo del ristorante Correggi per dare vita ad una nuova società sportiva: i fratelli Gino e Ferruccio Amati, Eugenio Urio, Giovanni Roberti e Alessandro Forlini, questi i nomi dei quei ragazzi, sono i "padri fondatori" di quella che oggi è conosciuta, in Italia e a livello internazionale, come Atalanta Bergamasca Calcio. La data di nascita ufficiale è il 17 ottobre 1907. Il primo Presidente della storia atalantina è il nobile Vittorio Adelasio. Il primo Segretario è Gino Amati.

1909

Dalla sua fondazione, per la pratica del calcio l'Atalanta usa inizialmente la Piazza d'armi (nei pressi della stazione ferroviaria), si sposta successivamente al Campo di Marte (tra le vie Suardi e fratelli Cairoli). Sono gli anni in cui il calcio conquista sempre più appassionati.

1914

Il 24 maggio davanti a circa 800 persone, contro l’Internazionale di Milano, si inaugura lo stadio in via Maglio del Lotto. Nello stesso anno, la FIGC riconosce la Sezione Calcio e l’Atalanta si iscrive al campionato di Promozione.
1914

1915-1918

I campionati si fermano per la guerra.

1919

Il 21 settembre contro l’Inter viene inaugurato ufficialmente il campo della Clementina; nonostante l’Atalanta perda 3-0, è comunque un giorno da ricordare.
1919

1920

Una sola squadra bergamasca può partecipare al Campionato Nazionale di Prima Categoria. Per questo motivo, a Brescia, si gioca lo spareggio tra Atalanta e Bergamasca. L'Atalanta si impone 2-0 sugli storici rivali.

1920

Il 4 aprile si concretizza la fusione con la Bergamasca, il Presidente è Enrico Luchsinger; la nuova divisa è inizialmente a quarti e ha come colori il nero portato dall’Atalanta e l’azzurro della Bergamasca.

1920

Il 28 agosto l’Atalanta indossa la maglia nerazzurra per la prima volta nella sua storia, nell’amichevole vinta per 2-0, giocata contro il Porpora Fc di Milano.
1920

1922

Il 13 aprile la formazione bergamasca disputa la sua prima amichevole internazionale, gli avversari sono gli svizzeri dell’Aarau. In questa stagione appare la maglia a strisce nerazzurre.

1927

Il 16 febbraio la Nazionale italiana arriva per la prima volta a Bergamo, alla “Clementina”, per giocare una partita di allenamento contro l’Atalanta. Aldo Perani realizza il goal della bandiera nel 6-1 per l’Italia.

1928

Il 23 dicembre si inaugura ufficialmente, davanti a 14.000 spettatori, il nuovo stadio, contro la Dominante di Genova. Il Brumana si presenta senza curve, con pista d’atletica e altre strutture sportive (tra cui una piscina)
1928

1928

Il 17 giugno l’Atalanta si laurea campione d’Italia della Prima Divisione (all’epoca corrispondeva alla Serie B). Sconfiggendo 3-0 la Pistoiese a Faenza, viene promossa nella Massima Divisione.
1928

1931

Il 21 giugno l’Atalanta fallisce la promozione in Serie A, perdendo in casa lo scontro diretto con il Bari. Si vocifera di un’intossicazione alimentare avvenuta la sera prima.
1931

1932-1933

La Federcalcio decide l’allargamento a due gironi di Serie B. L’Atalanta, nonostante la retrocessione, viene riammessa nel campionato cadetto.

1937

Il 16 maggio l’Atalanta, per la prima volta nella sua storia, è promossa in Serie A; la squadra è formata per 7/11 da calciatori bergamaschi. L’ultima partita giocata è un successo: vittoria 3-1 contro il Brescia.
1937

1937

Il 12 settembre la squadra nerazzurra esordisce in Serie A, pareggiando 0-0 sul campo del Genova 1893; la stagione si conclude con la retrocessione in Serie B, dopo solo un anno nella massima serie.

1939

Il 4 giugno l’Atalanta perde all’ultima giornata in casa contro il Venezia e si fa agganciare dai lagunari, vedendo sfumare la possibilità di un pronto ritorno in Serie A, a causa di una discriminante nel coefficiente dei punteggi.
1939

1940

Il 9 giugno l'Atalanta pareggia 1-1 a Lodi e, dopo un’entusiasmante cavalcata, ottiene la promozione in Serie A, in cui rimarrà fino al 1958.

1940

Il giorno seguente la risalita in Serie A, coincide con il discorso di Mussolini che annuncia l’entrata in guerra dell’Italia.
1940

1945

Il 7 giugno Daniele Turani inizia la sua presidenza, che durerà per ben 19 anni, 18 dei quali trascorsi in Serie A. Comincerà anche la costruzione delle due tribune e lo stadio si chiamerà semplicemente Comunale.

1948

Il 24 ottobre l’Atalanta viene ricevuta da Papa Pio XII a Castel Gandolfo, è la prima volta che accade nella sua storia. Ne succederanno altre tre: con Papa Giovanni XXIII, con Papa Wojtyla e l’udienza di Papa Giovanni Paolo II.
1948

1949

Il 17 luglio la Dea vince il suo primo scudetto a livello giovanile.

1951

Durante questa stagione Hans Jeppson viene venduto al Napoli per 105 milioni: è il primo giocatore del campionato italiano pagato più di 100 milioni.
1951

1957

Il 16 giugno l'Atalanta si salva all’ultima giornata contro la Triestina, con il goal di Mion, dopo aver ottenuto 4 vittorie negli ultimi 4 turni. In questa annata, la tribuna in tubolari viene sostituita con una struttura in cemento.
1957

1957-1958

Nell’anno del cinquantenario, l’Atalanta viene retrocessa per responsabilità oggettiva in illecito sportivo; quasi un anno dopo, il 3 novembre 1959, il Club bergamasco sarà assolto per “non aver commesso il fatto”.
1957

1959

Il 7 giugno l’Atalanta riconquista subito la Serie A, vincendo il campionato. A fine stagione, disputa il suo primo Torneo Internazionale, la Coppa dell’Amicizia, sconfiggendo il Le Havre per 3-2 in terra francese.
1959

1960-1961

Dal Brescia arriva Mino Favini, che dall’inizio degli anni ’90 farà le fortune del settore giovanile atalantino. Il Comunale è il primo campo in cui vengono introdotti i teli di plastica per proteggerlo da gelo e neve.
1960

1960

Il 7 aprile la formazione di Bergamo viene eliminata in Coppa Italia dalla Juventus senza essere sconfitta sul campo: dopo il 2-2 nei tempi regolamentari, e terminati in parità i rigori, la qualificazione è decisa dalla monetina.

1961-1962

Vengono gettate le basi per lo sviluppo del settore giovanile destinato a crescere di anno in anno sino a diventare uno vero e proprio fiore all'occhiello per l'Atalanta. L'ingegner Tentorio affida la gestione del vivaio atalantino al dottor Brolis.

1962

Il 25 marzo nella gara casalinga contro il Milan, l’Atalanta vende troppi biglietti e il pubblico raggiunge il bordocampo. L’arbitro sospende la gara e il Milan vince a tavolino. Nella Mitropa Cup, la squadra arriva in semifinale.
1962

1963

Il 2 giugno 1963 l'Atalanta alza al cielo la Coppa Italia. In finale sconfigge il Torino grazie a una tripletta del bergamasco Domenghini. Il risultato al triplice fischio è di 3-1, la partita si gioca a San Siro. Pizzaballa, Pesenti, Nodari, Veneri, Gardoni, Colombo, Domenghini, Nielsen, Calvanese, Mereghetti, Magistelli: questa la storica formazione atalantina!
1963

1963

Il 4 settembre la società bergamasca esordisce in Coppa delle Coppe contro lo Sporting Lisbona. Dopo la vittoria casalinga per 2-0 e la sconfitta esterna per 3-1, si disputa lo spareggio nel quale vincono i portoghesi ai supplementari.
1963

1964

Il 24 aprile l’Atalanta perde il suo Presidente Daniele Turani, che in 19 anni ha condotto la squadra a disputare 18 campionati in Serie A e a vincere la storica Coppa Italia del 1963.

1966

Il 27 febbraio l’iniziativa d’ingresso gratuito allo stadio, valida per gli studenti, è la premessa per un tifo organizzato. In seguito viene lanciato il “Club Amici dell’Atalanta”, che in un soli due mesi raggiungerà i 14.000 soci.
1966

1967-1968

In questa annata si introduce un’importante novità regolamentare: è possibile sostituire il portiere a gara in corso. L’Atalanta si salva all’ultima di campionato e gioca la Mitropa Cup, espugnando il Prater di Vienna.

1967

L’8 maggio viene approvato dal Tribunale di Bergamo lo statuto societario della costituenda Atalanta S.p.A, le società di calcio professionistico si trasformano in società per azioni. Il Presidente è Attilio Vicentini

1968-1969

Da questa stagione è possibile effettuare un cambio di un giocatore di movimento. L’Atalanta retrocede in Serie B. Si conclude nel modo peggiore un campionato costellato da vicissitudini societarie e sconfitte sul campo.

1969

Il 17 febbraio la Primavera vince il torneo di Viareggio.
1969

1969-1970

Achille Bortolotti assume la carica di Presidente. Il massimo dirigente scriverà alcune delle pagine più importanti della storia atalantina.

1971

Il 21 febbraio Antonio Percassi, non ancora 18enne, esordisce con la maglia dell’Atalanta, in una stagione che culmina con la promozione in Seria A e con il record d’imbattibilità di Anzolin (789 minuti).

1971

Il 3 ottobre scompare tragicamente Piero Bortolotti, fratello del Presidente, colpito da un infarto mentre tifa sugli spalti. Nello stesso anno, la Società trova l’accordo per affittare l’impianto di Zingonia e si ampliano le curve.

1972-1973

Entra in Società Miro Radici, che da lì a poco diventerà Vicepresidente.
1972

1976-1977

È la stagione del ritorno in Serie A dell'Atalanta, è il campionato che si chiude con gli spareggi a tre per due posti disponibili a giocare la stagione successiva nella massima serie. È l'anno dello storico spareggio di Genova contro il Cagliari che i nerazzurri di Titta Rota si aggiudicano per 2-1: al loro seguito, per incoraggiarli ed incitarli, sono stati organizzati dal Club Amici dell'Atalanta ben 143 pullman gremiti di tifosi, un vero e proprio esodo. L'Atalanta pareggia poi a reti bianche la sfida contro il Pescara e conquista, con gli stessi abruzzesi, la promozione in Serie A. Achille Bortolotti acquista e dona all’Atalanta il centro sportivo di Zingonia, intitolandolo alla memoria del fratello Piero.
1976

1980-1981

Cesare Bortolotti succede al padre Achille. Sul campo arriva la retrocessione in Serie C. Viene inserita la possibilità di avere uno sponsor, non ancora sulle magliette, ma sulle tute.

1982

Il 23 maggio i nerazzurri vincono il campionato di Serie C e fanno il ritorno tra i cadetti, la partita della promozione è la vittoria 1-0 sul Mantova con goal di Domenico Moro. Nella stagione 1982-1983, Miro Radici acquista il 50% del pacchetto azionario.
1982

1984

Il 27 maggio la squadra allenata da Sonetti batte 3-1 il Varese e conquista la promozione in Serie A. Pacione è capocannoniere con 15 goal e l’Atalanta vince la Serie B con una striscia di risultati positivi di 24 gare.
1984

1984

Il 16 settembre il Comunale fa il record assoluto di spettatori (43.000), ormai imbattibile, nella partita contro l’Inter. Durante questa annata iniziano i lavori di ampliamento dello stadio con lo smantellamento della pista.

1987

Il 17 maggio l’Atalanta perde contro la Fiorentina e retrocede in B, ma in stagione raggiunge la finale di Coppa Italia contro il Napoli di Maradona. Questo le permetterà di disputare la Coppa delle Coppe nella stagione seguente.
1987

1988

Il 20 aprile la squadra nerazzurra guidata da Mondonico, disputa la semifinale di ritorno di Coppa delle Coppe, nella quale viene eliminata di misura dal Malines; in campionato arriva la promozione, che le garantisce il ritorno in Serie A.

1990-1991

La Dea, che annovera campioni come Caniggia, Stromberg, Evair, arriva ai quarti di Coppa Uefa, nei quali viene eliminata dall’Inter. A livello societario finisce l’Era Bortolotti e inizia la prima presidenza di Antonio Percassi.
1990

1990

Il 7 giugno Cesare Bortolotti muore in un tragico incidente stradale. Il Presidente ha portato l’Atalanta dalla C ai vertici del calcio europeo.

1990

Il 2 novembre Antonio Percassi è il nuovo Presidente dell’Atalanta. La proprietà investe sullo stadio, riqualificando la Tribuna di viale Giulio Cesare.

1992

Il 26 maggio nasce il Trofeo Bortolotti e l’Atalanta si aggiudica il torneo contro Borussia Dortmund e Juventus. Nello stesso giorno la città di Bergamo saluta il suo idolo Glen Stromberg che si ritira dal calcio giocato.
1992

1992

Scompare il 9 dicembre l’amato Achille Bortolotti. Sul campo la squadra allenata da Marcello Lippi ottiene un ottimo settimo posto.

1994

Il 26 febbraio Ruggeri diventa il nuovo Presidente dell’Atalanta, dopo le dimissioni di Percassi. Nella stagione la squadra nerazzurra retrocede con quattro settimane d’anticipo e lo stadio viene intitolato “Atleti Azzurri d’Italia”.
1994

1994-1995

Da questa stagione la vittoria inizia a valere tre punti. La formazione allenata da Mondonico, dopo un avvio difficile, viene promossa in Serie A, grazie soprattutto ai 14 goal di Ganz.
1994

1997

Tra l’11 e il 12 febbraio Federico Pisani e la fidanzata Alessandra perdono tragicamente la vita in un incidente stradale; gli verrà intitolata la curva Nord. In campionato Filippo Inzaghi è capocannoniere con 24 goal, assistito da Lentini e Morfeo.

1999

Il 19 dicembre si gioca il primo storico derby con l’Alzano Virescit che termina 1-0 per i nerazzurri, nella stagione che riporta la squadra allenata da Vavassori in A. A livello societario, Ruggeri acquisisce anche le quote di Miro Radici.

2000

2000

2000-2001

L’Atalanta guidata da Vavassori, di ritorno nella massima serie, chiude il campionato al settimo posto, dopo un torneo entusiasmante nel quale spicca il successo sulla Juventus e il 3-3 di San Siro contro il Milan.
2000

2003

Il 2 giugno dopo lo 0-0 dell’andata, la “Regina delle provinciali” viene battuta 2-1 dalla Reggina in casa nello spareggio per rimanere in Serie A e retrocede in B.
2003

2003-2004

Gli scandali dei bilanci e delle fideiussioni portano la Serie B a 24 squadre. L’Atalanta, che ha salutato il suo capitano Carrera, fa il pronto ritorno in Serie A. Viene ampliato il centro sportivo di Zingonia.
2003

2006

L’Atalanta, vince il campionato con il punteggio record di 81 punti in Serie B. Fondamentale nella stagione è stato l’arrivo di Zampagna nel mercato di riparazione.
2006

2006-2007

Nell’anno del centenario, l’Atalanta raggiunge l’ottavo posto arricchito da successi come quello sul Milan, futuro Campione d’Europa. Doni supera il record (61) di goal segnati con l'Atalanta, che apparteneva a Cominelli.

2007

Il 17 ottobre l’Atalanta festeggia il centenario della propria fondazione. Durante la stagione riesce a mantenersi sempre nella zona medio-alta della classifica, togliendosi la soddisfazione di battere 5-1 i rivali storici del Napoli

2010

Il 4 giugno Antonio Percassi acquista l’Atalanta e diventa Presidente. Con Colantuono alla guida, la squadra si aggiudica il campionato cadetto per la quinta volta nella storia, ottenendo la tredicesima promozione in Serie A.

2011-2012

L’Atalanta, nonostante parta con 6 punti di penalizzazione a causa della vicenda calcioscommesse, disputa un ottimo campionato di metà classifica. Tra le individualità spicca Denis con i suoi 16 goal.
2011

2012-2013

Durante l’estate, l'Atalanta centra uno storico record: quattro calciatori (Consigli, Peluso, Schelotto e Gabbiadini) sono convocati dal CT della nazionale Prandelli per disputare l'amichevole contro l’Inghilterra.

2012

Il 16 aprile la curva Sud viene ufficialmente intitolata alla memoria di Piermario Morosini, il giovane calciatore che ha perso la vita su un campo da calcio.

2013

Il 6 aprile scompare Ivan Ruggeri: il Presidente della Società nerazzurra dal 1994 al 2008 e delle quattro promozioni in Serie A.

2014

Il 2 marzo l’Atalanta vince 2-1 in casa contro il ChievoVerona e inizia la striscia record di sei vittorie consecutive in Serie A, concludendo poi il campionato a 50 punti.

2016

L’8 maggio nel match in casa contro l’Udinese, dà l’addio al calcio la storica bandiera dell’Atalanta Gianpaolo Bellini, recordman di presenze con la squadra. Aveva segnato il primo rigore in carriera.

2016-2017

La squadra allenata da Gasperini, e trascinata da Gomez, si classifica quarta in campionato con 72 punti (entrambi record per la Società). È la prima squadra lombarda a precedere Milan e Inter nella classifica finale.

2017

Il 17 ottobre 2017, coincidenza vuole proprio nel giorno del suo 110° compleanno, lo stadio di Bergamo è ufficialmente di proprietà dell'Atalanta che lo ha acquistato dal Comune di Bergamo attraverso la controllata “Stadio Atalanta Srl”.

2017-2018

Il 23 novembre l’Atalanta conquista una storica vittoria per 5-1 al Goodison Park di Liverpool contro l’Everton 5-1 nella fase a gruppi della UEFA Europa League e conquista con un turno d’anticipo la qualificazione ai sedicesimi.

2019

Il 20 gennaio Duván Zapata nel match col Frosinone diventa il terzo giocatore nella storia dell’Atalanta a segnare 4 gol in una partita ed è il primo in assoluto a segnare per otto gare consecutive (poi allungato a dieci).

2019

Il 29 aprile battendo 2-0 l’Udinese l’Atalanta stabilisce il suo nuovo record di reti segnate in un campionato di Serie A, superando quello precedente di 66 reti stabilito nella stagione 1949-50. Alla fine i gol realizzati nella massima serie saranno 77, quelli totali 103.

2019

Il 15 maggio l’Atalanta disputa la sua quarta finale di Coppa Italia (TIM Cup): allo stadio Olimpico di Roma è la Lazio ad imporsi 2-0.
2019

2019

Il 26 maggio battendo 3-1 il Sassuolo la squadra di Gasperini conquista due traguardi storici: il terzo posto in campionato (miglior piazzamento della storia) e la prima qualificazione alla UEFA Champions League.

2019

Il 6 maggio con la prima “pinzata” alla Curva Nord da parte del Presidente Percassi, iniziano ufficialmente i lavori di riqualificazione dello stadio di Bergamo.

2019

Il primo luglio lo stadio di Bergamo assume ufficialmente la denominazione di Gewiss Stadium.